Error
  • Error loading feed data
  • http://feeds.feedburner.com/lecourrierdelatlas/hphV
  • Error loading feed data
  • http://www.meltingpot.org/spip.php?page=backend

http://www.youtube.com/watch?v=haJ5BxGmIH4

Questa inchiesta di Raffaella Cosentino è stata pubblicata dal sito www.repubblica.it. Dopo questa denuncia il centro è stato chiuso.

cie-gradisca

In questo video la visita al Cie di Gradisca d’Isonzo, in provincia di Gorizia, effettuata dalla campagna Lasciatecientrare con i parlamentari Sarubbi del Pd e Monai dell’Italia dei Valori insieme a numerosi rappresentanti delle istituzioni locali.  Il servizio è di Giogio Santelli.

cie-lamezia1

da www.repubblica.it

di Raffaella Cosentino

ROMA - Svuotato e chiuso. E’ quanto ha deciso il ministero dell’Interno per il centro di identificazione e di espulsione di Lamezia Terme (Cz), gestito dalla cooperativa Malgrado Tutto   e al centro di molte polemiche e interrogazioni parlamentari, dopo la denuncia di violazioni dei diritti umani dei migranti trattenuti. Il team di Medici per i diritti umani 5  (Medu) aveva infatti trovato nella struttura: una gabbia in cui rinchiudere le persone che volevano farsi la barba 6, un disabile che faceva fisioterapia con una bottiglia d’acqua legata al piede e una cella di isolamento terapeutico chiusa da lucchetti e filo spinato. La prefettura di Catanzaro conferma che sabato 20 ottobre il Cie sarà chiuso.

Al momento nessun nuovo bando. Per il momento non viene indetto un nuovo bando di gara e non è certo che la struttura rimanga un Cie. Ufficialmente la motivazione della chiusura è la mancanza di un ente gestore. Lo scorso 22 giugno è fallita la gara di appalto, alla quale aveva partecipato solo la cooperativa Malgrado Tutto, attuale gestore e anche proprietario della struttura. Il Cie è costruito su un suolo di proprietà del comune dato in comodato d’uso alla cooperativa per 99 anni, ma gli edifici sono di Malgrado Tutto. La cooperativa non si è aggiudicata l’appalto perché parte della documentazione presentata era irregolare per problemi con la concessione edilizia. Al di là del fatto che questa situazione venga sanata, il ministero per ora non ha deciso di indire una nuova gara per la gestione. Di fatto, da giugno a oggi il Cie ha funzionato senza appalto, con i relativi problemi di fondi.

I migranti non sono stati rilasciati. Alcuni sono stati rimpatriati. Fra loro, una persona disabile con una protesi ad un’anca per una grave infezione contratta prima di entrare nel Cie. L’uomo, fotografato dai Medu mentre faceva fisioterapia improvvisata con una bottiglia d’acqua, è stato rimpatriato in Marocco contro la sua volontà e nonostante le precarie condizioni di salute. Gli altri saranno internati in altri Cie, tra cui quello di  Sant’Anna di Isola Capo Rizzuto, nel crotonese, riaperto da poco tempo, al termine di una chiusura di due anni per i danni provocati dalle rivolte. L’Ong Medu esprime “soddisfazione per la chiusura del Cie di Lamezia Terme, visitato solo poche settimane fa e, come rilevato dal team Medu, del tutto inadeguato a garantire condizioni di vita dignitose alle persone trattenute”. E auspica che la chiusura provvisoria diventi definitiva e che il Ministero dell’Interno accolga la proposta del sindaco di Lamezia Terme di riconvertire quello che è stato fino ad oggi un luogo di esclusione, in un luogo di solidarietà e integrazione per i migranti.

“Deve essere il primo passo”. In una nota, Medu “auspica altresì che la chiusura del Cie di Lamezia Terme sia il primo passo verso il superamento di un sistema, quello della detenzione amministrativa, che si è dimostrato nel corso degli anni del tutto inefficace nel contrastare l’immigrazione irregolare ed incapace di tutelare la dignità e i diritti fondamentali dei migranti trattenuti, che in un paese civile e democratico dovrebbero sempre essere garantiti” . Le denunce dei Medici per i diritti umani, seguono quelle fatte nel 2010 da Medici senza frontiere 7  che già allora ne aveva chiesto, inascoltata, la chiusura al Viminale. Molte le voci di protesta che si erano levate dopo la diffusione della foto della ‘gabbia per radersì inventata dall’ente gestore, tra cui quella del sindaco di Lamezia Terme, Gianni Speranza. Numerose le interrogazioni parlamentari presentate per chiedere spiegazioni e la chiusura al ministero dell’Interno, da quella di Felice Belisario, capogruppo Idv al Senato, a quella depositata da sei deputati radicali eletti tra le file del PD. Una è arrivata anche alla Commissione europea, da parte della Presidente della commissione antimafia europea Sonia Alfano.

cie-modena

da Rete Primo Marzo

La Rete Primo marzo ancora una volta al Cie di Modena per denunciare casi e puntare l’attenzione sulla privazione dei diritti umani, diritto alla cura e alla salute, diritto di libera circolazione delle persone recluse nei centri d’identificazione ed espulsione.
Nella struttura modenese vi sono all’oggi 35 persone in maggioranza giovanissimi: sono infatti oltre l’80% i ragazzi nati fra il 1973 e il 1990, in prevalenza tunisini (40,7%) marocchini (28,8%) nigeriani (6,8%) di cui il 20% (dati da luglio a fine settembre) provenienti dal carcere. Fra questi, sono due i casi degni di particolare attenzione che ci parlano da un lato dell’arrivo dei minori sul suolo nazionale, e dall’altro dello sfruttamento del lavoro migrante.

“Il primo riguarda un ragazzo giunto in Italia all’età di otto anni, che ha completato tre cicli di studi arrivando alla maturità e che dopo 22 anni qui, benché abbia la famiglia residente sul territorio, è privo di permesso di soggiorno. Ci chiediamo: non aveva identità? Non era identificabile? Se ha commesso reati non dovrebbe comunque essere al Cie – ha dichiarato Cécile Kyenge, portavoce nazionale Primo marzo – L’altro è relativo a un ragazzo proveniente dalla Nigeria che lavorava da dieci anni come operaio in una ditta della provincia, il cui datore non ha mai voluto procedere alla regolarizzazione e il ragazzo non poteva pagare la cifra richiesta, come invece hanno fatto gli altri colleghi: è stato preso sul posto di lavoro, ma l’aggravante è data dalla mancanza di conoscenza riguardo alle procedure di richiesta di asilo politico per motivi religiosi di cui, invece, avrebbe diritto. Da questo punto di vista risulta particolarmente importante l’avvio dello sportello legale proposto dalla garante Desi Bruno”.

In merito al caso del ragazzo sub sahariano detenuto al Cie e poi ricoverato in ospedale la Kyenge ha continuato spiegando la situazione: “dopo la messa in osservazione della scorsa settimana, oggi sarà preso in considerazione il suo caso per valutare cosa fare dal punto di vista medico specialistico e giuridico, ed individuare quale percorso di tutela avviare sul territorio. Nel Cie hanno poi rafforzato le misure di sicurezza cambiando e cementando le sbarre, riconfermando così la misura detentiva dei reclusi. La rete Primo marzo ribadisce con forza la necessità di arrivare ad una abrogazione della legge Bossi-Fini nazionale e a livello europeo alla chiusura dei Cie: in questo senso facciamo nostre le dichiarazioni del Sen. Di Giovan Paolo sulla reintroduzione dei permessi per ricerca lavoro”.

Il Sen. Roberto Di Giovan Paolo, membro della Commissione Speciale del Senato per i Diritti Umani, che ha visitato il Cie modenese sabato scorso assieme alla Kyenge e all’avvocata Alessandra Ballerini, si è infatti pronunciato in modo netto sulla chiusura del Cie e nell’ambito della formazione per amministratori organizzata dal Pd sabato scorso, ha affermato: “I Cie sono un costoso fallimento. Introducendo lo sponsor per il lavoro e una identificazione fatta nei paesi di origine servendosi della riorganizzazione dei consolati e dotando i migranti di un biglietto di viaggio con pds per ricerca lavoro, ad esempio di 6 mesi più 6 mesi, con un pagamento della tessera sanitaria per Ausl in cui risiederà il migrante, si potrebbe ovviare agli sbarchi togliendo spazio agli scafisti. Se si accettasse l’immigrazione come ricchezza eviteremmo di perdere forza lavoro, nuove idee e creatività in un momento in cui vi è forte bisogno di crescita economica – ha detto il Senatore – Compiendo questo avanzamento d’identificazione volontaria nei paesi di partenza, inoltre, si restringerebbe il campo di chi delinque e l’annosa opera dei controlli da parte delle forze dell’ordine. Certo è una soluzione che postula un cambio di mentalità e un governo politico che abbia voglia di fare questo passaggio” ha concluso.

News Italia

Cosenza, 21-22 settembre: La Kasbah & LasciateCIEntrare promuovono il seminario formativo "Libia, frontiera del Mediterraneo"

06-09-2018 News

Cosenza, 21-22 settembre: La Kasbah & LasciateCIEntrare promuovono il seminario formativo "Libia, frontiera del Mediterraneo"

L'art. 1 della Convenzione contro la tortura, approvata dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite il 10 dicembre 1984, definisce tortura "ogni atto per mezzo del quale un dolore o delle sofferenze acute, sia fisiche che mentali, vengono deliberatamente inflitte a una persona da agenti della pubblica amministrazione o su loro istigazione...

Read more

Denunciati per aver raccontato abusi in centro minori: dalla parte di Maurizio Alfano e Maria Elena Scandaliato

01-09-2018 News

Denunciati per aver raccontato abusi in centro minori: dalla parte di Maurizio Alfano e Maria Elena Scandaliato

La barbarie delle guerre, delle torture, delle violenze estreme, l’efferatezza di una guerra totale fomentata dall’Occidente attraverso politiche economiche e conflitti creati ad arte, non sembra turbare le coscienze sopite di questa parte del mondo. Coscienze allarmate, invece, solo dal nazionalistico timore di ospitare sui propri territori persone dal colore...

Read more

Stamattina Alterego e LasciateCIEntrare hanno depositato un ricorso al TAR Sicilia per l’immediata adozione di misure che autorizzino lo sbarco…

25-08-2018 News

Stamattina Alterego e LasciateCIEntrare hanno depositato un ricorso al TAR Sicilia per l’immediata adozione di misure che autorizzino lo sbarco delle persone presenti sulla nave Diciotti

Il 16 agosto, alle ore 8.20, inizia l’odissea dei migranti soccorsi dalla nave “Diciotti” della Guardia Costiera italiana. Dopo il rifiuto delle autorità maltesi allo sbarco e dopo diversi giorni di navigazione in mare, il 20 agosto, il Ministero dei Trasporti italiano autorizza l’approdo della nave presso il porto di...

Read more

Migranti, online il I° capitolo di "Gabbie": il documentario che raccoglie le voci dai famigerati C.P.R.

21-08-2018 News

Migranti, online il I° capitolo di "Gabbie": il documentario che raccoglie le voci dai famigerati C.P.R.

Un documentario prodotto da Melting Pot Europa e Borders of Borders in collaborazione con la campagna LasciateCIEntrare Malik è il primo capitolo del documentario "Gabbie - Voci dai C.P.R.", una serie di interviste realizzate a persone che sono state trattenute dentro i famigerati Centri di Permanenza per il Rimpatrio, gli ex...

Read more

Migranti, LasciateCIEntrare nei C.P.R. di Bari e Brindisi: online il report di monitoraggio

21-08-2018 News

Migranti, LasciateCIEntrare nei C.P.R. di Bari e Brindisi: online il report di monitoraggio

Lo scorso 5 agosto una delegazione LasciateCIEntrare, insieme all'Europarlamentare Eleonora Forenza, ha effettuato l'accesso nei due centri di permanenza e rimpatrio pugliesi. Il quadro emerso è fortemente critico, a riprova del fatto che non basta un cambio di nome per un’inversione di tendenza sulle politiche di accoglienza del paese. Di seguito i report integrali RESOCONTO...

Read more

Ricevi le nostre ultime notizie